Attrezzature base per quilt e patchwork – DFQ

COME ESEGUIRE UN OTTIMO PATCHWORK – SCHEDA 1
Quando ci avviciniamo al mondo del patchwork ci troviamo davanti ad una scelta difficile, sulla quale spesso abbiamo difficoltà a prendere delle decisioni. La prima cosa che dobbiamo acquistare sono le attrezzature base. Ma quali sono quelle più adatte per iniziare?
E soprattutto, quali sono quelle ESSENZIALI? Vediamo di fare un po’ di chiarezza.Parlando di attrezzature base possiamo identificarle in questo modo:
PIANO DI TAGLIO (CUTTING MAT)
SQUADRA (RULER)
ROTELLA DA TAGLIO (CUTTER)
SPILLI DA PATCHWORK (PATCHWORK PINS)
Questi sono i nostri 4 assi che ci permetteranno di realizzare qualsiasi progetto la nostra mente decida di produrre. Vediamoli nel dettaglio :
IL PIANO DI TAGLIO
1377
In commercio troviamo svariati piani di taglio di diverse marche a prezzi diversi. Una delle caratteristiche principali che deve avere è il doppio lato. Per doppio lato intendo che il   nostro piano di taglio dovrà avere una griglia in cm e sull’altro lato una griglia in pollici (inch). Questa caratteristica ci permette di avere a nostra disposizione uno strumento che ci darà la possibilità di lavorare sia in cm che in pollici senza dover acquistare un piano supplementare. La seconda caratteristica che deve avere è una buona superficie autorigenerante. I più usati, anche a livello internazionale, sono i piani di taglio marcati PRYM OLFA. Visitando fiere di settore o navigando in internet vi troverete spesso piani di tagli di altre marche (pressoché sconosciute) a prezzi inferiori. Il consiglio che posso darvi è di scegliere se volete la qualità. Il piano di taglio è forse lo strumento più importante, quindi se fate una buona spesa all’inizio eviterete sprechi di denaro successivi. Chi più spende meno spende insomma … In merito alle misure troviamo piani di taglio di diverse “taglie”. Qui sotto vi elencherò sia le misure in cm (con la controparte relativa in pollici) e i “pregi & difetti” dei tre piani principali:
30×45 cm (12”x18”)
Piano di taglio di dimensioni piccole. Facile da maneggiare e da riporre anche in un
cassetto.
PREGI : dimensioni contenute, facilità di trasporto, comodo da riporre
DIFETTI : la piccola area di lavoro non ci permette di utilizzarlo per tagli di grandi
dimensioni, lo spazio di lavoro è contenuto, rendendolo utile solo in un secondo momento nella realizzazione di un progetto.
45×60 cm (18”x24”)
Il più usato. Di medie dimensioni.
PREGI: superficie di lavoro sufficientemente ampia per realizzare qualsiasi tipo di taglio
DIFETTI: aumentando le dimensioni la gestibilità inizia ad essere un po’ complessa
rendendolo poco comodo da trasportare
60×90 (24”x36”)
Questo è il piano di taglio più grande disponibile in commercio.
PREGI: ottima area di lavoro che ci permette di realizzare anche tagli grandi senza dover ripiegare la stoffa vista la sua altezza di 60cm. Linee diagonali premarcate ampliamente
sfruttabili per eseguire tagli di maggior precisione. Ottimo per i lavori in pollici in quanto i 90cm corrispondono ad 1 Yard, quindi con qualche semplice accorgimento ci permetterà di capire esattamente quanto tessuto ci serve se dobbiamo realizzare un progetto in pollici seguendo un cartamodello (affronteremo questo discorso più ampiamente nella scheda “LAVORIAMO IN POLLICI”)
DIFETTI: le misure lo rendono un piano difficile da trasportare e più indicato al lavoro
domestico possibilmente su un piano apposta dedicato.
Tirando le somme quindi il mio consiglio personale e quello di attrezzarvi con un piano 45×60 in modo da poterlo sia utilizzare a casa sia di trasportarlo nel caso vi doveste spostare per dei corsi. Se avete la possibilità potreste tenere un piano 60×90 per l’uso domestico e un piano 45×60 per i lavori più piccoli. Qualche suggerimento per conservare al meglio il vostro piano di taglio:
  • Conservatelo SEMPRE su una superficie piana
  • Tenetelo lontano dalle fonti di calore
  • Non esponetelo al sole
  • Non arrotolarlo
  • Passatelo con una spazzola regolarmente in modo da evitare un accumulo eccessivo dei residui di stoffa nei tagli
LE SQUADRE
Relativamente alle squadre si apre un mondo. Rettangolari, quadrate, triangolari, creative….
Ogni squadra è utile (se la si sa usare e sfruttare correttamente!). Ma quale scegliere per iniziare?
Possiamo dire che la scelta della squadra è direttamente proporzionale al piano di taglio che decidiamo di acquistare. Che senso avrebbe acquistare una squadra 15x60cm se usiamo un piano di taglio 30×45? Diciamo che la squadra deve “stare” nel piano.
All’inizio, suggerisco sempre di avere 3 squadre: 1 rettangolare larga 15cm, 1 rettangolare larga 10cm e una quadrata di misura 15×15.
Perché queste tre?
La prima ci permette di effettuare i tagli direttamente dal tessuto che acquistiamo senza dover piegare troppo la stoffa né spostare la squadra durante il taglio; la seconda (che può essere più corta della prima oltre che più stretta) ci permette di lavorare più agevolmente su tagli più piccoli; la terza (quella quadrata) ci semplifica il lavoro nel taglio dei quadrati in quanto è provvista di linee perpendicolari che ci permettono di verificare la correttezza del taglio.
Come per i piani di taglio, di squadre ne trovate di varie marche e di vari prezzi. Ottime sul
mercato italiano sono quelle marcate OMNIGRID. A livello internazionale possiamo dire che le migliori sono quelle marcate CREATIVE GRIDS. Hanno la caratteristica di avere delle piccole parti antiscivolo che permettono una miglior tenuta della squadra sul tessuto. Unico “difetto” è il costo. Caratteristica FONDAMENTALE che deve avere la vostra squadra è la gradazione: quelle in cm devono avere l’unità di misura più piccola corrispondente a 0.25cm mentre quella in pollici deve avere 1/8 di pollice. Inoltre verificate che sulle vostre squadre siano segnate le diagonali angolari.
Cosa sono le linee diagonali angolari?
Partiamo da questa foto:
Squadra per Patchwork

Squadra per patchwork con linee angolari

Come potete notare sulla parte bassa di questa  squadra sono tracciate, da entrambe le
direzioni, tre diagonali: una a 60°, una a 45° e una a 30°. Nel corso dei miei anni di patchwork
ho notato con dispiacere che pochissime persone le sfruttano. E questo è un gran peccato
perché sono aiuti importanti se dobbiamo realizzare dei tagli particolari. Ma vi spiegherò come utilizzare al meglio queste linee in un’altra scheda. All’inizio non ci servono, ma se dovete
acquistare una squadra nuova, il consiglio che vi do è di verificare che siano presenti.
Altro elemento che dovete verificare che sia presente sulla vostra squadra è la doppia numera
tura alla base. Cosa significa? Che alla base della squadra dovrete avere le unità di centimetri
indicate sia da sinistra verso destra, che da destra verso sinistra. Le squadre che io consiglio per iniziare a lavorare sono le seguenti :
15 x 60 cm : la squadra più utilizzata. Buona larghezza e lunghezza sufficiente a coprire
tutto il tessuto. Un must se utilizzate un piano di taglio non inferiore al 45×60. Se
decidete di usare il piano 30×45 scegliete una squadra 15×30.
10 x 45 cm : squadra di misure più contenute per i tagli più piccoli.
15 x 15 cm : squadra quadrata. Ci aiuta nel taglio e nella verifica dei quadrati. La diagonale
a 45° e le linee perpendicolari ci permettono subito di verificare che stiamo tagliando
effettivamente un quadrato evitando sprechi di stoffa.
Qualche suggerimento per conservare al meglio le squadre :
Evitate di farle cadere! Prestate attenzione durante la fase di taglio. Evitate di andare sopra la squadra con la rotella da taglio, rischiate di rovinare squadra e rotella.
Non segnatele con pennarelli, rischiate di non togliere più il segno. Un ultimo suggerimento: MISURATE SEMPRE DUE VOLTE E TAGLIATE UNA! ;o)

 

LE ROTELLE DA TAGLIO
OMNIGRID40X55_g
Se da una parte piano di taglio e squadre viaggiano insieme, discorso a parte vale per le rotelle di taglio. Le più comuni in commercio sono di 4 misure: 18mm, 28mm, 45mm e 60mm dove lamisura si riferisce al diametro della lama di taglio. La scelta della misura di una rotella di taglio viene fatta a seconda dell’utilizzo. Ma entriamo subito nel dettaglio:
18 mm : lama molto piccola. Indispensabile per i tagli in curva. Utile anche nei tagli di
precisione dove abbiamo necessità di rifilare una parte del lavoro.
28 mm : lama piccola. Utile sia per i tagli in curva che per i tagli dritti. La caratteristica di
una lama piccola è che ci permette di avere un maggior controllo del taglio.
45 mm : lama media. La più comunemente utilizzata. Ottima per i tagli dritti, non adatta
però ai tagli curvi.
60mm : lama grande. La meno utilizzata. La lama grande può creare qualche problema di
gestione sia della rotella che del taglio vero e proprio. Diventa indispensabile quando si
vogliono tagliare materiali pesanti quali pelle, feltro ecc.
A chi si avvicina al mondo del patchwork consiglio di scegliere tra la 28mm e la 45mm.
Qualche suggerimento per l’utilizzo delle rotelle da taglio:
CHIUDETE SEMPRE LA LAMA QUANDO NON STATE TAGLIANDO!
La sicurezza prima di tutto!
Quando si effettua un taglio, la direzione deve essere sempre la stessa ossia dal basso
verso l’alto. MAI TORNARE INDIETRO CON LA LAMA!  Rischiate di rovinare il tessuto e
non avete controllo del movimento. Nel caso in cui un taglio non dovesse essere preciso,
si ripete. Usate una lama SOLO PER IL TESSUTO!
Se volete tagliare anche la carta o altri materiali procuratevi delle lame che destinerete solo ad altri utilizzi. Cambiare la lama non appena ci accorgiamo che non taglia più correttamente. Non passate MAI sopra a degli spilli. Rovinereste la lama.
GLI SPILLI
Ultimo elemento fondamentale sono gli spilli. Quali usare? In commercio ne esistono di svariati tipi, spessori e lunghezze. Scegliete sempre spilli da patchwork con la caratteristica testa a fiore. Questi vi permetteranno di cucire (sempre prestando attenzione!) senza doverli togliere dalla stoffa passandoci sopra con il piedino della macchina per cucire. Se passare sopra gli spilli vi spaventa, potete tranquillamente toglierli poco prima che passino sotto al piedino. Questi sono solo piccoli dettagli però fondamentali per iniziare a muoversi nel mondo del patchwork.
Tutte le attrezzature con relativi codici e prezzi potrete trovare sul sito www.direfarequiltare.it
Trovate inoltre degli STARTER KIT dove potrete scegliere il vostro assortimento base ad un prezzo vantaggioso. Augurandomi che questa piccola guida possa esservi d’aiuto, vi do appuntamento alla prossima scheda : LA PREPARAZIONE DEI TESSUTI E LE OPERAZIONI DI BASE
3 Comments
  • Debora
    Scritto alle 23:03h, 02 marzo Rispondi

    Grazie mille per i consigli , c’è sempre qualcosa da imparare

  • Marisa
    Scritto alle 18:32h, 02 settembre Rispondi

    Il vostro articolo per spiegare il tappetino per taglio e’ molto interessante le misure anche io prenderò la misura più grande perché mi serve per tagliare vestiti vi ringrazio per avermi fatto leggere le istruzioni di come va usato il tutto

  • Alessandra
    Scritto alle 11:50h, 23 ottobre Rispondi

    Buongiorno dovrei fare delle borse in pelle, che misura mi consigliate della base di taglio?

Commenta